EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Lavoretti di Pasqua: uova colorate in modo naturale

 

Pasqua è un’importante festa religiosa che piace particolarmente ai bambini che ricevono regali golosi, come le uova di cioccolato. I simboli più tradizionali di Pasqua sono i coniglietti, le campane e le uova colorate che rappresentano la rinascita e il mistero della vita. In previsione di Pasqua, i nostri bambini possono dedicarsi a simpatici lavoretti da fare insieme agli adulti. Le uova di Pasqua colorate si possono sistemare a tavola all’interno di un cestino o di un recipiente di vetro colorato; inoltre possono essere donate agli ospiti come simpatico ricordo.

Come realizzare le uova colorate

Per realizzare delle simpatiche uova di Pasqua casalinghe e colorate è necessario acquistare una confezione di uova ed una bottiglia di aceto di vino bianco; per quanto riguarda i coloranti vi suggeriamo di utilizzare quelli naturali e poco costosi come le barbabietole, il caffè ed il vino. Per ottenere altri colori si può usare lo zafferano, la curcuma le bucce delle cipolle rosse o dorate, gli spinaci o i frutti rossi.

Il primo passo consiste nel far rassodare le uova che devono essere immerse in un pentolino d’acqua; dal bollore è sufficiente contare circa 8 minuti, si fanno freddare e si scolano. Per realizzare i colori è necessario mettere i singoli ingredienti in pentole differenti; per il colore marrone bisogna sciogliere un cucchiaio circa di caffè in tre bicchieri circa d’acqua, si fa bollire aggiungendo un cucchiaino di caffè. Una volta che il colore è pronto si immergono le uova, si accende il fuoco e appena l’acqua è calda si spegne, lasciandole immerse per circa un’ora. Lo stesso procedimento si segue utilizzando la curcuma o gli spinaci. L’intensità delle tonalità cambia non solo secondo la quantità dei prodotti impiegati ma anche in base ai tempi di infusione degli stessi nell’acqua. Le uova di Pasqua colorate con sostanze naturali, e quindi non tossiche, sono molto belle per rallegrare la tavola ma possono anche essere consumate. E’ fondamentale però che si impieghino uova fresche, perfettamente conservate e bollite; una volta cotte, se si desidera mangiarle non devono essere tenute fuori dal frigorifero e si possono conservare soltanto per poche ore.

Se invece, preferite creare delle decorazioni su un guscio vuoto è necessario prelevare tuorlo ed albume praticando un foro sulla parte inferiore. Il contenuto dell’uovo si po’ utilizzare per preparare frittate, torte, creme, biscotti e tanto altro. Il guscio vuoto deve essere pulito, così da rimuovere eventuali tracce e poi si procede secondo il procedimento precedentemente spiegato per le uova sode.

Buona Pasqua!

Fonte: A Tutta Festa 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *