EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Halloween, la storia della festa del 31 ottobre

Halloween, la storia della festa spiegata al mio bambino. Scopriamo le curiosità e le tradizioni della notte più spaventosa dell’anno.

Halloween, la storia

La festa cade il 31 ottobre e risale agli antichi Celti. L’ultima notte di ottobre le popolazioni celtiche celebravano l’arrivo dell’inverno. Si credeva che il giorno di Halloween i defunti potessero tornare sulla terra. La ricorrenza poi, dopo la diffusione del cristianesimo,viene abolita e trasformata. Nel 840, papa Gregorio III stabilisce per il primo novembre la festa di Ognissanti. La stessa parola Halloween deriva dall’inglese antico e significa festa di tutti i santi

L’ultimo giorno di ottobre era tradizione travestirsi con pelli e maschere in modo da spaventare gli spiriti dei defunti. Inoltre, si svuotavano le rape e all’interno si sistemavano delle candele, così da trasformarle in lanterne. La luce serviva per allontanare il male e le anime dei defunti.

La festa di Halloween si diffonde sin dal 1800 quando iniziano le migrazioni dall’Irlanda verso gli Usa. E’ proprio qui che le rape vengono sostituite dalle zucche, più economiche e diffuse.

Le tradizioni di Halloween

L’ultima notte di ottobre è tradizione che i bambini vadano di casa in casa ripetendo il ritornello “Dolcetto o scherzetto”. In cambio ricevono caramelle e dolcetti. In passato, si donava frutta secca, mandarini mentre oggi si preferiscono caramelle e biscotti.

L’usanza di “Dolcetto o scherzetto” era già praticata dagli antichi celti e presente anche nelle tradizioni italiane di Ognissanti. Nel nostro Paese, fra il primo ed il due novembre, i bambini vanno in giro chiedendo piccoli doni in cambio di una preghiera per i morti.

La notte del 31 ottobre si organizzano feste in costume, durante le quali si balla e si gustano piatti tipici. Negli Usa, ad Halloween non può mancare la pumpkin pie, ossia la torta di zucca. Altre ricette tipiche sono il sangue di vampiro, ottenuto con le barbabietole, le mele stregate, e le dita della strega.