EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Seggiolino auto: sensori antiabbandono ecco perchè serve

Decine di bambini muoiono ogni anno dopo essere rimasti intrappolati in un’auto al sole e senza aria. Per questo motivo l’ordinamento italiano ha deciso di intervenire e ha emanato una legge che obbliga i genitori ad avere un seggiolino auto con sensori anti abbandono.

Ora, al di là di questo validissimo strumento imposto dallo stato, i decessi, ma anche le dimenticanze, potrebbero essere evitati se i genitori seguono dei facili e semplici consigli. Vediamo insieme qualche piccolo trucchetto per ricordarti sempre che il piccolo è con te, e per evitare di dimenticarlo.

Lascia un segno del la presenza del bimbo

Prendi un orsacchiotto / animale di peluche e mettilo nel seggiolino vuoto del tuo bambino. Quando metti il ​​tuo bambino sul seggiolino, metti l’orsacchiotto sul cruscotto o in un posto ovvio in modo che qualunque movimento tu faccia, lo vedi e questo darà ricordo che tuo figlio è sul sedile posteriore.

Prendi la borsa o il cellulare e tienili vicino a tuo figlio, poiché la smania di aver sempre lo smartphone in mano ti farà ricordare di averlo lasciato in auto. Volendo poi, puoi anche impostare un notifica o un timer sul tuo cellulare che ti ricordi ogni tanto del piccolo a bordo.

Stimola il bambino a parlare

Se lasci che il piccolo ti dia a parlare, avrai costantemente la sua voce nelle orecchie, il che ti permetterà di ricordare quando spegni il motore, che prima di allontanarti dall’auto devi prendere il piccolo. In alternativa puoi mettere qualche canzoncina e spingerlo a cantare: chi adulti ascolterebbe mai tracce musicali da bambini?

Se poi il piccolo dovesse addormentarsi, non spegnere la radio, ma anzi continua a tenere vigile la tua attenzione su qualcosa concernente i bambini.

Il seggiolino

E veniamo al seggiolino. È l’elemento per antonomasia. Riesce a dare una maggiore sicurezza al genitore, soprattutto se dotato dell’ultima tecnologia anti abbandono. Questi apparecchi consentono infatti di spedire degli allarmi o delle notifiche per rammentare al genitore che il bambino è ancora seduto in auto.

Era necessario che in Italia si prendessero provvedimenti a riguardo. Troppi incidenti si verificano ancora oggi a discapito dei più piccoli. Ecco quindi che adesso la tecnologia va in aiuto della loro incolumità. Inoltre lo stato italiano ha stanziato dei fondi per elargire bonus a tutte le famiglie che acquistano uno di questi dispositivi. Insomma la prudenza, a conti fatti, non è mai troppa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *