EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

L’importanza di avere dei buoni infissi in casa con un bambino

Quando si ha un bambino in casa è necessario provvedere a creare un ambiente sicuro privo di oggetti che possano metterlo in pericolo. I bambini infatti sono spesso curiosi e imprudenti ed è proprio per tale ragione che bisogna assicurare loro il massimo benessere e comfort. Tra gli incidenti domestici che capitano ogni anno, circa il 5% coinvolge i bimbi. Pertanto se in casa sta per arrivare un figlio è opportuno mettere in sicurezza l’abitazione. Un primo passo può essere quello di concentrarsi sugli infissi.
Fortunatamente al giorno d’oggi sono tante le soluzioni che si possono mettere in pratica in casa per renderla più sicura ed abitabile.


Innanzitutto però bisogna verificare che
porte e finestre della propria casa non siano troppo vecchie o installate male. In entrambi i casi infatti è necessario provvedere ad una sostituzione immediata o perlomeno alla messa in sicurezza.
Un altro metodo per rendere porte e finestre più sicure per i bambini consiste nel
bloccarne l’apertura: in questo modo il bambino anche se si avvicinerà alla finestra non riuscirà ad aprirla. Esistono oggigiorno delle finestre in pvc con maniglia dotata di serratura o pulsante che vanifica il tentativo del bambino di aprirla. Durante i mesi estivi invece, quando la necessità di aprire le finestre delle casa è maggiore, è possibile collocare una ringhiera oppure una grata che eviti qualsiasi pericolo.

 

Bambini al sicuro con alcuni piccoli accorgimenti

 

Un altro elemento importante che è possibile tenere in considerazione comprende la possibilità di dotare porte e finestre di comandi smart.
La tecnologia intelligente infatti offre l’opportunità di controllare in maniera automatica gli infissi
direttamente dal proprio smartphone o tablet.
In questo modo sarà possibile controllare quando aprire e chiudere una finestra dell’abitazione scegliendo anche degli orari prestabiliti.
Per quanto riguarda i vetri invece si possono considerare i vetri infrangibili, ottimi nel caso in cui il bambino dovesse urtare la finestra con colpi o pallonate.
Una buona alternativa (e più economica) è costituita dai
vetri temperati: questi ultimi infatti, rispetto ai vetri tradizionali, hanno una maggiore resistenza alle deformazioni e agli sbalzi di temperatura.
Inoltre un fattore da non sottovalutare è il fatto che in caso di rottura i vetri temperati si rompono in tanti piccoli pezzi che però non tagliano e dunque non costituiscono un pericolo per il piccolo.
Qualsiasi sia la scelta comunque, con l’arrivo di un nascituro è necessario provvedere ad adottare alcuni accorgimenti extra nella propria casa in modo tale da garantire al bimbo la massima sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *