EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

La caduta dei capelli dopo il parto cosa sapere

La caduta dei capelli dopo il parto è un fenomeno naturale. Le cause della caduta dei capelli dopo il parto sono dovute ai cambiamenti ormonali. Si tratta di una situazione transitoria che, in genere, si risolve nell’arco di pochi mesi.

La caduta dei capelli dopo il parto, le cause

La caduta dei capelli dopo il parto dipende da alterazioni ormonali. E’ un fenomeno noto con il termine di defluvium post partum che termina dopo pochi mesi.
Il corpo femminile, al termine della gravidanza, si trova a dover affrontare una situazione di grande cambiamento dal punto di vista fisico. Si tratta di un evento molto diffuso che, comunque, non riguarda tutte le donne.
La perdita abbondante di capelli in seguito al parto è transitoria e di norma si verifica nel giro di pochi mesi.
Le cause principali sono quelle ormonali ma si possono sommare anche disturbi come le carenze nutrizionali.
Se non esistono altri problemi di salute la caduta si arresta in maniera naturale senza lasciare alcuna traccia.

La caduta dei capelli dopo il parto, rimedi

I rimedi per risolvere il problema dell’eccessiva perdita di capelli devono essere stabiliti dal ginecologo di fiducia. Potrebbe essere necessario sottoporsi ad alcuni esami ematici per valutare il quadro ormonale e non soltanto. E’ fondamentale non assumere nessun integratore prima di aver consultato il proprio medico perché in caso di allettamento potrebbe rivelarsi dannoso per il piccolo.

Per ridurre la caduta dei capelli è importante curare l’alimentazione quotidiana introducendo alimenti che contengano vitamine, aminoacidi e minerali. Se si allatta bisogna rispettare le indicazioni fornite dal medico di riferimento evitando di abolire o introdurre cibi particolari.
Un aspetto da non sottovalutare riguarda la tipologia di prodotti impiegati per curare i capelli. Il consiglio è di sceglierli poco aggressivi e rinforzanti. Nel caso in cui si optasse per trattamenti specifici è sempre necessario chiedere il parere del proprio ginecologo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *