EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Lo smartphone e la salute del mio bambino

Lo smartphone potrebbe causare la gobba al mio bambino. Usare per troppe ore lo smartphone può alterare la postura corretta portando a numerosi disturbi di salute.

Lo smartphone e la salute
Lo smartphone è, senza dubbio, ha migliorato le condizioni di vita di adulti e ragazzi. Il mio bambino però lo utilizzo per tempi brevi perché alla lunga può causare disturbi alla spina dorsale.

Secondo uno studio scientifico svolto in Australia gli adolescenti che trascorrono molte ore con lo il cellulare sono più soggetti a disturbi posturali. Quando si utilizza il telefono cellulare si è portati ad incurvare le spalle e a piegare il collo.
Durante l’indagine gli esperti hanno preso in esame delle radiografie dalle quali è emerso che il collo e la schiena possono andare incontro a numerosi disturbi. Negli Usa per riferirsi alla postura del collo tipica di quanti usano lo smartphone di frequente si parla di “tech neck”. I più giovani rischiano anche di assumere posture sbagliate che possono sfociare nella così detta gobba o in altre alterazioni.
Il rischio al quale i bambini e i più giovani si espongono riguarda anche patologie che possono coinvolgere le braccia e le mani, come per esempio dolorose tendiniti.

Lo smartphone ed il mio bambino
Lo smartphone non deve essere completamente negato al mio bambino, per non correre il rischio che si possa sentire diverso. E’ importante che gli adulti si assicurino che venga utilizzato per brevi intervalli e che non alteri le altre abitudini. I ragazzi sono portati a trascorrere molte ore della giornata connessi o, comunque, utilizzando vari devices tecnologici. Si tratta di una situazione che può avere dei risvolti negativi sia da un punto di vista fisico che psicologico. Il rischio è che l’adolescente viva in un mondo virtuale e si isoli ma anche che possa avere disturbi di postura. Inoltre, l’uso eccessivo dello smartphone riduce il tempo da dedicare al divertimento e all’attività fisica, indispensabile per crescere sani e forti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *