EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Il mio bambino ed il co-sleeping

 

Quando è nato il mio bambino, mi è stato suggerito il co-sleeping, una tecnica che prevede che i neonati dormano nello stesso letto dei genitori. Il co-sleeping viene consigliato per il benessere di tutta la famiglia perché regala serenità e sicurezza.

 

Il co-sleeping

Per il mio bambino mi è stato suggerito il co-sleeping che suggerisce di dormire tutti insieme, così da poter rispondere immediatamente a tutte le necessità del piccolo.
La tecnica del co-sleeping viene consigliata non solo per il benessere della madre ma anche per quello del bambino che può stare per più ore in contatto fisico con i genitori.
Il co-sleeping non è approvato da tutti gli specialisti e prima di essere intrapreso è opportuno chiedere il parere del pediatra di riferimento. Infatti, potrebbe rivelarsi pericoloso o dannoso in alcuni casi specifici, per esempio se i genitori sono in sovrappeso. Inoltre, è fondamentale conoscere e rispettare alcune regole fondamentali come, per esempio, non fumare e prestare attenzione alla posizione assunta durante la notte.
Questa tecnica prevede che si possa attuare soltanto in alcuni momenti particolari, per esempio quando il bambino è particolarmente spaventato oppure se i genitori hanno problemi a doversi alzare con frequenza.
Il co-sleeping non è esente da critiche e dubbi che riguardano vari aspetti, come per esempio la possibilità che in seguito il piccolo si rifiuti di abbandonare la stanza degli adulti. Un altro tasto dolente riguarda l’intimità di coppia che, per via della presenza del neonato, potrebbe esserne compromessa.

I vantaggi del co-sleeping

 

Il co-sleeping è la condivisione del letto fra piccolo e genitore e permette di rinforzare il naturale legame d’amore.
Il co-sleeping per i neonati rappresenta un’occasione per godere appieno del contatto fisico con i genitori ma anche per superare eventuali paure o ansie. I bambini sono rassicurati dalla presenza degli adulti e hanno la certezza di poter ricevere aiuto e sostegno in ogni momento della notte.
E’ una tecnica apprezzata perché evita che i genitori si debbano alzare durante la notte per fornire la pappa al bambino o per verificare il suo stato di salute. Inoltre, viene considerata positivamente perché permette, facilmente, di tenere sotto controllo il neonato durante il riposo notturno. Ilco-sleeping può essere applicato con modalità differenti, per esempio decidendo di far dormire il bambino nella sua culla, posizionata però accanto al letto dei genitori. In questo caso, mamma e papà hanno il vantaggio non solo di allattarlo facilmente ma anche di assicurarsi che durante la notte dorma bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *