EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Halloween Lavoretti di Ognissanti: le fave dolci

 

Ognissanti è la ricorrenza nella quale si festeggiano tutti i santi, mentre il giorno successivo, il 2 Novembre, si ricordano i defunti. I nostri bambini si possono divertire con dei lavoretti per Ognissanti, come per esempio le fave dolci dei morti. Sono dei piccoli dolcetti, la cui forma ricorda proprio le fave secche, che si mangiano il primo ed il due Novembre. Le fave dolci di Ognissanti vengono donate a tutti i bambini che fanno il giro delle case dove ricevono anche frutta e caramelle. L’usanza di realizzarle a forma di fave è molto anticaa e risale alla tradizione greca che ha sempre collegato il mondo dei defunti con le fave. Non a caso, in questo periodo dell’anno è consuetudine mangiare piatti a base di fave secche ma anche sformati di pasta, baccalà e tanta frutta secca.

Le fave dolci dei morti sono molto semplici, durano a lungo e possono essere consumate anche a colazione o a merende. Ecco come prepararle con i bambini.

Ingredienti:

200 grammi di farina

1 uovo

150 grammi di mandorle sbucciate

100 grammi di zucchero

80 grammi di burro

Grappa facoltativa

Tritiamo le mandorle nel mortaio o nel mixer in modo piuttosto grossolan. In una bacinella mettiamo la farina, il burro morbido e l’uovo, amalgmando con un cucchiaio. Incorporiamo lle mandorle e lavoriamo ancora. Se si gradisce si può aggiungere un cucchiaino di grappa il cui contneuto di alcol evapora durante la cottura, lasciando soltanto un gradevole profumo. Formiamo dei cordoncini, ricaviamo delle palline e schiacciamole in modo da ottenere la forma di una fava. In alternativa si possono formare delle polpette con un cucchiaio lavorandole con i polpastrelli inumiditi. Mettiamo su una placca da forno ben imburrata ed inforniamo per 15 minuti a 180 gradi. Le fave non devono scurirsi. Appena si freddano si possono servire; si mantengono per qualche settimana all’interno di una bustina di carta o di un recipiente a chiusura ermetica. Buon Ognissanti!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *